Morandi - Social - 5 Cose

5 Cose che Dovresti Imparare da Gianni Morandi se Lavori sui Social

Che Gianni Morandi, all’anagrafe Gian Luigi, si sia conquistato un interesse mediatico che va ben oltre il mondo della canzone è cosa oramai nota. Le notizie di cronaca, locali e nazionali, parlano sempre più spesso di lui, delle sue abitudini alimentari, delle sue corse e di piccoli misfatti quotidiani (come quando gli fu rimossa la macchina parcheggiata male).

Questo clamore non è sicuramente merito esclusivo delle sue avventure canore. Sebbene sia recente il  tour “Capitani Coraggiosi” insieme a un altro big della musica, Claudio Baglioni, il grande successo in rete non può non essere ricollegato alla sua spiccata predilezione nell’utilizzo dei social media. Predilezione che l’ha portato ad avere un seguito incredibile di oltre 2,300,000 fan che inondano quotidianamente i suoi post di like e commenti. Spidwit ne ha parlato in uno studio social sui cantanti: Gianni Morandi è indubbiamente la star delle interazioni e si distacca rispetto a concorrenti blasonati come Laura Pausini, Jovanotti, Tiziano Ferro e tanti altri. Più informazioni e un’infografica le trovi qui.

Un successo simile non può essere casuale e, sebbene immaginiamo che il Gianni nazionale non abbia affinato le sue arti social studiando da manuali o seguendo corsi per addetti al settore, egli rappresenta di certo uno dei fenomeni della grande rete che vale la pena approfondire.

Oggi parliamo di cinque punti chiave della comunicazione online di Gianni Morandi, che possono ispirarti nella tua gestione online di profili e pagine social.

1) Applicare una buona strategia editoriale

Il principio fondamentale cui sembra ispirarsi Morandi per i suoi post social è sicuramente la consistenza editoriale tramite la condivisione di contenuti semplici ed evitando l’eccessiva autopromozione. Durante un recente incontro alla Bocconi, Morandi ha confessato “Se annuncio che inciderò un nuovo disco, ottengo zero. Se posto la mia foto nell’orto, salgono i numeri della pagina!”.

Un altro fattore importante è la frequenza di pubblicazione: non passa giorno in cui Morandi non pubblichi un contenuto. Sa che nel mondo social una comunicazione costante è il miglior modo per mantenere il legame col proprio pubblico.

A completare il tutto gioca un uso sapiente di foto ad altissimo grado d’interazione: Morandi continua a sfornarne sempre nuove grazie anche all’aiuto della moglie Anna.

gianni morandi social e piselli

 

2) Condire con un po’ di storytelling

Lo storytelling appare oggi un chiacchierato fenomeno di moda per chi lavora nei social: la classica cosa di cui tanto si parla e che pochi in rete alla fine applicano in maniera efficace.

Morandi è invece l’esempio vivente di uno storytelling funzionante: distribuisce con sagacia racconti di vita reale arricchiti da frequenti richiami al passato. La linea editoriale del profilo Facebook di Gianni Morandi è essa stessa una storia: la sua.

3) Non sottovalutare il community management

Immaginiamo che Gianni Morandi aspiri a diventare il più bravo dei community manager, ma è umanamente impossibile rispondere alle decine di migliaia di commenti che intasano quotidianamente i suoi post! Quando però si dedica alle risposte, nei limiti del tempo a sua disposizione, la sua vera forza rimane quella di essere sempre educato, simpatico e affabile. E’ letteralmente impossibile fargli perdere la pazienza!

Di fronte ad “hate speech”, a commenti offensivi, al risveglio di leoni da tastiera è difficile rimanere fedeli al vecchio adagio “il cliente ha sempre ragione” e molti community manager cadono nel tranello di rispondere all’offesa in maniera piccata, o peggio ancora, con un’altra offesa.

Gianni Morandi sembra invece avere una riserva di pazienza fuori dalla norma, e memorabili restano i suoi abbracci virtuali che distribuisce alla fine di ogni risposta.

commenti-morandi

 

4) Risolvere le crisi

Anche il curriculum da social media manager di Gianni Morandi presenta qualche (epic?) fail…

lucarelli-morandi-social

Rispolveriamo un fatto che l’ha recentemente coinvolto e che ha sollevato un certo clamore. Sulla didascalia di una sua foto su Instagram oltre alla frase “Al primo sguardo…” ha fatto capolino la dicitura “Mettila verso le 13 o 14″: una frase che lasciava presagire l’intervento di un esperto esterno, che consigliava appunto la pubblicazione della foto durante le ore del pranzo. Selvaggia Lucarelli, personaggio molto noto alla rete e dei media in generale, ha rincarato la dose, amplificandone l’eco con un post sarcastico. Un vero scossone per il cantante di Monghidoro, che avrebbe potuto perdere di credibilità e parte del suo straordinario seguito social.

Ebbene: Gianni Morandi ha risposto colpo su colpo ai commenti spiegando ai propri fan, così come ai giornalisti, che si è trattato di un equivoco. In caso di crisi, non è così improbabile che i rattoppi siano peggiori del guaio originale. In questo caso la crisi è stata risolta ancora una volta nel migliore dei modi: con gentilezza, eleganza e portando a proprio favore chi in un primo tempo aveva assunto il ruolo di carnefice.

lucarelli-morandi

 

5) Rimanere aggiornati sulle ultime novità

Chi sta sui social media per lavoro sa che questo universo evolve in maniera molto rapida. Col passare del tempo vengono introdotti nuovi e potenti strumenti per raggiungere la propria base fan con grande efficacia. Se n’è accorto anche il nostro buon Gianni, che di tanto in tanto ha fatto uso di una delle ultime novità di Facebook, il live video, per coinvolgere ancora di più il suo pubblico grazie a una comunicazione in tempo reale.

I risultati non hanno deluso le sue aspettative: se guardiamo agli ultimi 8 mesi della sua attività social il post a maggior numero di interazioni è stato proprio un suo video live del 30 gennaio 2016. Risultato? Un incredibile bottino di 276,000 visualizzazioni e più di 93,000 commenti!

morandilive

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Abbiamo visto i 5 punti cardine delle attività social di Gianni Morandi. Andando a ritroso nella sua timeline potrai scoprire quanto sia capace nel far emergere alcune storie, nello sfruttare a suo favore le piccole crisi (gustosissima quella che ha visto come protagonista Giancarlo Magalli, che accusa lo stesso Morandi di avergli negato un selfie) e nell’essere sempre presente nelle proprie vetrine virtuali di Facebook e Instagram.

E tu? Cosa hai imparato dai social di Gianni Morandi? Un abbraccio! :)

[Se invece per i tuoi social media vuoi trovare contenuti a tema, come notizie, curiosità, immagini, puoi rivolgerti a Spidwit]

 

Author: Antonio Parlato

Pedigree da ingegnere, propone variazioni sul tema di web writing, copywriting, content marketing, dissertazioni tecnologiche e tecnoillogiche.

Be Sociable, Share!