Scrivere per Facebook. 10 consigli di scrittura

scrivere per facebook

Ahhhh, Facebook! Croce e delizia di migliaia di aziende e milioni di utenti che, ogni giorno, scorrono il news feed e alternano sbadigli a risate a indifferenza a rabbia a noia a…

Se hai un’azienda, il tuo obiettivo è quello di tenere viva l’attenzione dei tuoi fan e di trovarne sempre di più (anche) grazie ai tuoi contenuti. Giusto? Giusto. In questo approfondimento ti daremo qualche consiglio, giusto, per scrivere post su Facebook a prova di sbadiglio, indifferenza, rabbia, noia.

1. Fai delle domande

Non vergognarti di chiedere. Chiedi consiglio, chiedi un’opinione, un parere. Fa’ domande al tuo pubblico e rendilo partecipe.

Le domande che funzionano meglio sono quelle aperte. Lo stesso Facebook fa uso di domande aperte: vai sulla home del tuo profilo e leggi la frase inserita all’interno della finestra status: “A cosa stai pensando?”.

Ecco, per esempio, due dei mille modi per usare (bene) le domande all’interno dei tuoi copy di Facebook.

facebook post di mutti

Qui, il brand Mutti abbina al link/ricetta un copy che invita i fan a condividere le loro idee su come farcire e rendere ancora più gustosa una focaccia. La domanda, per essere efficace, e quindi incentivare i commenti, va posta alla fine. Prendi nota.

E veniamo a Granoro. Quello che chiede il brand è di indovinare quale formato di pasta venga prodotto con questa trafila. Il copy con domanda, in questo caso, ha a che fare anche con il concetto di “sfida”, che vedremo meglio assieme al punto 9 di questa lista di consigli.

granoro su facebook

2. Racconta una storia

Le storie sono dappertutto. Anzi, noi tutti siamo degli insiemi di tante storie, più o meno grandi, più o meno sensazionali.
La tua azienda è fatta di persone e, quindi, ha un potenziale enorme di “storiosità“.

Ti basta aprire gli occhi, guardarti intorno e guardarti dentro (soprattutto se sei un freelance) e troverai materiale prezioso per popolare il tuo piano editoriale delle cose da scrivere per Facebook con storie, racconti, emozioni, valori.

Kim Garst

Qui Kim Garst, con uno scatto “rubato”, mostra un momento di quotidianità. Non racconta i valori rappresentati, condivisi e portati avanti da lei stessa ma si limita, per così dire, a mostrare un “dietro le quinte”. Va comunque bene.

Meglio ancora sarebbe riuscire a condensare, con un breve copy, anche i valori del brand/professionista. Per esempio, la foto usata dalla Garst avrebbe potuto fare il paio con un copy diverso. Tipo questo: “Ogni giorno passo più di 10 ore davanti al monitor. Anzi, dovrei dire ai monitor, visto che ne ho tre. Di queste 10 ore, 4 le dedico allo studio e all’aggiornamento. Fortuna che a tenermi compagnia – oltre ai tre monitor, s’intende – c’è il mio fido compagno: Grand Baby, per gli amici Grand Doggy”.

3. Dai informazioni di valore

Le persone non vogliono solo divertirsi; in certi momenti e, soprattutto quando seguono certe aziende, hanno bisogno di informarsi sugli argomenti che stanno loro a cuore.

Detto ciò, un consiglio per scrivere post Facebook di valore è questo: dai valore. Semplice!

Puoi creare una grafica “riassuntiva”, come ha fatto la clinica chiropratica Sanrocco.

4_sanrocco_chiropratica

Oppure puoi creare una grafica riassuntiva e scrivere un copy di accompagnamento che, a sua volta, andrà a rimarcarne i punti salienti a mo’ di abstract.

L’uso degli emoji ti aiuterà a rendere più gradevole la formattazione. Buffer, per esempio, usa un emoji per ogni punto del post: un modo originale per dare enfasi visiva, e concettuale, al copy.

5_buffer

Per trovare contenuti interessanti per la tua nicchia puoi utilizzare vari strumenti come Feedly o Spidwit (che trova contenuti giornalieri su decine di topic differenti!).

Prova Spidwit!

 

4. Trasmetti positività ed entusiasmo

Basta musi lunghi! Basta pesantezza! Tutti noi abbiamo bisogno di un briciolo di entusiasmo in più nelle nostre vite. E no, non si tratta di vestire i panni di motivatori digitali e distribuire pillole di buonumore tra un post e l’altro. Si tratta di trasmettere valori positivi, ispirazione, progettualità e voglia di fare – agganciando questo entusiasmo ai nostri contenuti, ai nostri prodotti, ai nostri servizi.

Più difficile a dirsi che a farsi. Guarda qualche esempio.

Vitasnella post su Facebook
Vitasnella post su Facebook

Vitasnella parla alle donne. La citazione in grafica, assieme al breve copy di accompagnamento (vedi punto 5), contribuiscono a creare stati d’animo positivi.

pennamontata

Ed ecco un altro esempio preso dalla pagina Facebook di Pennamontata. L’emoji utilizzata all’inizio del copy serve per attirare l’attenzione e, ovviamente, fa il paio con il contenuto dello status.

5. Sii breve

Secondo le ricerche condotte, tra le tante realtà del settore, da BlitzLocal e Track Social, sembrerebbe che la lunghezza ideale di un post Facebook sia di massimo 70 caratteri. Pochini, eh? Guarda qui.

Lunghezza post Facebook

Tanto per intenderci, il copy di post Facebook ideale dovrebbe essere lungo così.

moz post breve

Ma tu davvero credi ancora alle regole auree? Se sì, allora credi solo a questa: testa!

6. Osa con la lunghezza

Ecco, appunto: non esiste la lunghezza ideale. Esiste il copy giusto per il giusto messaggio. Si può osare, anche su Facebook, con post dal copy corposo. Ricorda: la lunghezza del copy deve essere funzionale al messaggio. Se scrivi molto è perché hai molto da dire. E dentro quel molto non deve esserci mai nulla di inutile, ridondante, banale.

Guarda per esempio cosa “combina” Mari Smith. Ma come, proprio lei usa un copy così lungo? Dovremmo bocciarla, stando alle ricerche di cui abbiamo parlato poco fa. Eppure, Mari è una delle massime esperte internazionali di Facebook marketing. Fai tu…

Mari Smith long post

E guarda quest’altro post. L’illusionista Francesco Addeo mostra un video in cui dà prova di grandi abilità tecniche. Il copy, in questo caso, è lungo e ben formattato: l’autore ha bisogno di spiegare al suo pubblico il valore del numero in cui s’è cimentato. E non solo: spiega anche, in poche battute, la differenza tra le tecniche usate dai prestigiatori e quelle impiegate dai bari.

Sì, il testo è lungo. Ma si legge tutto d’un fiato.

Francesco Addeo long post

7. Stupisci con effetti speciali

Rendi il tuo copy originale: usa ascii ed emoji per dargli personalità e anche chiarezza grafica.

Ah, puoi anche utilizzare simboli speciali per formattare in modo creativo il tuo testo.

8. Fa’ sorridere

Se il tuo tono di voce te lo permette, prova a inserire un briciolo di ironia qua e là.

RoadHouse Restaurant

Può sembrare facile far sorridere quando si cura la comunicazione di un brand giovane e giovanile come Roadhouse. Ma meglio non dare nulla per scontato, non trovi? In questo post il brand gioca con un modo di dire molto diffuso tra i ragazzi: “Anche oggi magri domani”. Ed è subito riso-sorriso-risata.

BPER Banca

Vada per un brand del settore food. E per un brand del settore finanza? Come si fa a far sorridere e, soprattutto, si può? Sì, sì che si può. Ricordati che puoi osare anche se pensi di non poterlo fare mai. Guarda la trovata di BPER Banca: un glossario su tutte le parole del mutuo declinate in forma divertente. Chapeau!

9. Lancia una sfida

Una sfida, sì. Metti alla prova la creatività del tuo pubblico. Sfidalo. Fallo divertire.

Così, per esempio. Sì, sì: Ceres la fa da padrona quando si tratta di coinvolgere e divertire il suo pubblico.

Ceres post su Facebook

Ma puoi lanciare anche sfide creative, che andranno a stimolare le sinapsi dei tuoi fan. Ecco un altro esempio preso dalla pagina Facebook di Pennamontata. L’agenzia lancia, ciclicamente, delle sfide creative sul naming con la rubrica “Dammi un nome”. Guarda qui.

15_PennaMontata_Indovina

10. Fa’ pregustare

Devi condividere un post blog? Non dire tutto subito. Prova a usare la leva della curiosità e a svelare solo una parte del tutto.
Qui puoi vedere come Buffer ha applicato magistralmente questo consiglio!

Buffer post

Facciamo un breve riepilogo. Ecco qui tutti i consigli che ti abbiamo dato per aiutarti a scrivere i tuoi post Facebook:
1.    Fai delle domande
2.    Racconta una storia
3.    Dai informazioni di valore
4.    Trasmetti positività ed entusiasmo
5.    Sii breve
6.    Osa con la lunghezza
7.    Stupisci con effetti speciali
8.    Fa’ sorridere
9.    Lancia una sfida
10.    Fa’ pregustare.

Ah, ce n’è un ultimo: divertiti!

Sei pronto a scrivere il tuo prossimo post per Facebook? :)

Author: spidwitblog

La redazione di Spidwit ti informa sulle ultime novità su social media e mondo digital.
Spidwit è uno strumento per scoprire, creare e pubblicare contenuti di qualità per le pagine social di aziende, professionisti e portali.

Ti piace questo contenuto? Condividilo!