I gruppi Facebook: come utilizzarli per sviluppare il tuo business

gruppi-facebook-business

Un gruppo Facebook è una comunità online, uno spazio condiviso, dove più utenti – non necessariamente amici tra loro – scambiano opinioni e contenuti che vengono visti da tutti gli altri membri, attraverso il Social Network più famoso al mondo.

E ancor di più nel 2018, dopo l’annuncio di Zuckerberg che conferma la privilegiata visibilità dei post dei gruppi insieme a quelli di amici e parenti.

Leggi anche: Facebook uccide la pagine? No, non aver paura

Creare un gruppo Facebook: un po’ di teoria

Un gruppo nasce sempre intorno ad un argomento specifico.

Se l’argomento in questione è anche al centro del nome del gruppo è ancora meglio, perché ti aiuterà a essere trovato e a espandere la tua audience. La scelta del nome è dunque importante ed è da quella che devi partire.

Si continua con il primo step per popolarla: invitare i primi “adepti”.  Se hai già una pagina, potresti provare a invitare i fan più affezionati, giusto per cominciare. O alcuni amici, purché siano in target con l’argomento del tuo gruppo.

La scelta successiva è quella del grado di privacy che si vuole dare al gruppo stesso. Esistono tre diversi livelli di privacy:

  • I gruppi aperti sono quelli in cui anche chi non è iscritto può “sbirciare” i post pubblicati nel gruppo
  • Nei gruppi chiusi, invece, gli esterni non possono vedere l’attività del gruppo, ma soltanto i membri. Per leggere i post o pubblicarne di nuovi bisogna inviare una richiesta di iscrizione all’amministratore (o amministratori) del gruppo.
  • I gruppi segreti sono esclusivi e le loro attività sono visibili soltanto all’amministratore e ai membri. Rispetto ai gruppi chiusi si aggiunge dunque un ulteriore grado di privacy: il gruppo non compare nelle ricerche.

E’ importante, quando si crea un gruppo, scegliere con accortezza il livello della privacy e tararlo sugli obiettivi che si vogliono raggiungere (per esempio la diffusione del messaggio su larga scala oppure lo scambio di informazioni tra partner e/o fornitori, ecc.).

Dalla teoria alla pratica: creare il gruppo Facebook

Ci sono varie scorciatoie per creare un gruppo, dal menù in alto a destra accanto al punto interrogativo, all’opzione sulla colonna a sinistra in basso “crea gruppo”, oppure basta aprire la pagina https://www.facebook.com/groups/ e premere il tasto verde Crea Gruppo.

creaGruppo
Dovrai inserire le  informazioni richieste ovvero il Nome del gruppo, le Persone da invitare e come detto il livello di Privacy.
Facebook ti proporrà già dei gruppi di tuoi amici che si sono caratterizzati per un interesse comune.
Queste impostazioni, cosi come la lista dei membri del gruppo, potranno ovviamente essere modificate anche successivamente.

A questo punto ogni post pubblicato sul gruppo verrà visualizzato dai membri del gruppo stesso e la modalità di interazione rispetterà le regole di privacy impostate.

Bisognerà poi personalizzare la configurazione del gruppo aggiungendo:

Una foto di copertina: che ben rappresenti il gruppo, seguendo possibilmente le raccomandazioni sulle dimensioni. Quelle consigliate sono: 1,640px per 859px

Una descrizione: inventa una frase accattivante che descriva il gruppo tenendo bene a mente che questa informazione è ben visibile a tutti sui gruppi aperti e chiusi

Tags: aggiungine per aumentare le possibilità di essere trovati nelle ricerche. Usa dunque dei vocaboli inerenti il tema del gruppo

Aggiungi la location: fallo se il tuo gruppo si concentra su una specifica area geografica.

Usare il gruppo per promuovere il tuo business

Dopo aver spiegato come creare un gruppo su Facebook, analizziamo come è possibile utilizzare i gruppi per promuovere il tuo business.
Il gruppo può essere esplicitamente creato sul proprio marchio ma anche semplicemente sulla tematica intorno alla quale si concentrano i prodotti o servizi che vuoi promuovere.

Non c’è quindi una regola o una procedura da usare, ma elenchiamo qui una serie di indicazioni e concetti utili:

  • Immaginati una policy di utilizzo del gruppo e rendila ben chiara a tutti, magari caricandola su una nota o nel primo post “pinned” in cima a tutti gli altri post del gruppo. Siamo certi tu non voglia scuse quando qualcuno esagera, posta troppo, si comporta da troll e così via!
  • Il concetto di gruppo – su Facebook, ma anche fuori – è sinonimo di senso di appartenenza, di fidelizzazione e questo ovviamente può essere utile, o addirittura fondamentale, nella promozione di un brand.
  • Un gruppo è un luogo d’incontro virtuale in cui ognuno esprime un opinione su un argomento specifico: essere presenti consente di raccogliere feedback, opinioni, commentipreferenze, informazioni utilissime per le decisioni future sul prodotto, la strategia, ecc.
  • Per la stessa ragione, il gruppo favorisce lo scambio di opinioni tra clienti (o potenziali clienti). E se il gruppo attrae nuovi membri in target attrae nuovi potenziali clienti.
  • Rispondere alle domande o condividere informazioni, suggerimenti, trucchi, notizie in anteprima è un buon modo per guadagnare autorevolezza e fiducia.
  • Attrarre esperti conferisce maggior valore al gruppo. Anche tu o i tuoi dipendenti potreste annoverarvi tra gli esperti di settore.

Carica contenuti di valore sul tuo gruppo Facebook

Come già scritto, il contenuto di valore è la chiave del successo di un gruppo.
Ovviamente in contenuto fornito da tutti i membri con i loro feedback, commenti, esperienze, ecc ma anche quello fornito da chi ha creato e promuove il gruppo. I contenuti tematici sono fondamentali, anche solo per ispirare e avviare nuove discussioni.
Spidwit è perfetto per questo scopo: fornisce ogni giorno novità e approfondimenti su argomenti specifici, pronti per essere condivisi direttamente sui social. Ti consente inoltre di poter condividere i contenuti non soltanto su pagine, ma anche sui gruppi di cui si è amministratori.

Iscriviti Gratis a Spidwit

Dai (più di) un’occhiata alle Insight

Da qualche mese Facebook dà la possibilità a chi lavora sui gruppi di avere delle statistiche interessanti.

Le statistiche vengono sbloccate solo su gruppi che hanno almeno 50 utenti. Di 250 utenti si ha bisogno invece per sbloccare le statistiche demografiche.

Alcune statistiche di cui puoi usufruire:

  • Nuovi membri: vedi quanti nuovi utenti hai guadagnato negli ultimi 28 giorni, insieme alle statistiche comparative sul rate di crescita. Stai facendo bene?
  • Engagement: puoi ottenere una classifica dei post che hanno ricevuto maggiore engagement, like, reaction, visualizzazioni. Puoi trovare anche delle utili insight sugli orari e i giorni migliori per pubblicare. In questo modo puoi tarare la tua strategia di contenuti al meglio!
  • Attività dei membri: qui puoi vedere chi posta di più (e con contenuti più rilevanti). Puoi premiarlo o decidere di incentivarlo come “top contributor” del tuo gruppo!

Atri strumenti per i gruppi

Ci sono anche altri strumenti che possono agevolare l’amministratore nella gestione della pagina:

  • Gestione delle iscrizioni. Puoi vedere una statistica dell’inserimento di nuovi utenti nel gruppo e quante richieste “pending” ancora da approvare
  • Pulizia dei contatti. Per utenti che non hanno rispettato le policy è possibile rimuovere post, commenti e persino gli inviati da un utente negli ultimi 7 giorni
  • Schedulazione. Esattamente come le pagine ti sarà possibile schedulare un contenuto da sottoporre ai tuoi “adepti” in anticipo.
  • Group linking: puoi “linkare” il gruppo ad altri gruppi in modo da farti trovare sui gruppi correlati. Un modo in più per aggiungere visibilità al tuo gruppo!

Sei pronto a utilizzare i gruppi Facebook per sviluppare il tuo business? ;)

Author: spidwitblog

La redazione di Spidwit ti informa sulle ultime novità su social media e mondo digital.
Spidwit è uno strumento per scoprire, creare e pubblicare contenuti di qualità per le pagine social di aziende, professionisti e portali.