Piccola guida per vendere sui social media

vendere-sui-social

Come vendere sui social media? La domanda non è banale e la risposta rischia di trarre in inganno i social media manager. Perché quando si parla di piattaforme come Facebook, Twitter e Instagram il pensiero va subito a combinazioni virali che potrebbero, in qualche modo, aiutarti a monetizzare.

Ed è così, senza ombra di dubbio. Ma il punto di partenza è sempre quello che si trova a monte: cosa posso fare per migliorare il processo che mi porta al guadagno online. O meglio, pretendo che siano i social a farmi vendere o sto già facendo qualcosa per attivare questo processo? Se ti aspetti che sia Facebook a fare il miracolo – magari con investimento zero – sei fuori strada. Sul serio, non funziona così.

Devi puntare sull’inbound marketing

I social, rimanendo in una logica di inbound marketing e senza cadere nella classica interruzione che tende a diventare spam, servono ad attirare l’attenzione verso contenuti che possono essere utili all’utente. Trasformando il fan o il follower in un potenziale cliente. Questo può avvenire in modo automatizzato?



No, c’è sempre bisogno della sapienza umana, del tocco di chi conosce gli strumenti del mestiere e sa come raggiungere e chi intercettare. Quindi, come vendere sui social media? Cerchiamo di identificare una strada generale e valida per diverse realtà, non solo per Facebook o Instagram.

Inizia a lavorare sulla fidelizzazione del pubblico

Il vero segreto per aumentare la visibilità su Facebook e i follower su Instagram? Vuoi avere maggiori opportunità per vendere sui social network? Fa’ in modo che gli individui siano felici di ritornare sui tuoi canali. Devi creare delle abitudini, devi alimentare un pubblico che si fidelizzi al tuo brand.

Conquista la fiducia di chi vuoi avvicinare. Per vendere sui social devi usare i canali giusti: i contenuti commerciali li spingi con l’advertising, ma la platea la raggiungi e la fidelizzi nel tempo con contenuti di qualità. Magari non per forza tuoi ma legati all’interesse di chi vuoi raggiungere.

Per questo il legame con la content curation è importante. E uno strumento come Spidwit può aiutarti a trovare ogni giorno nuove idee da inserire nel calendario editoriale dei tuoi canali social.

Iscriviti Gratis a Spidwit

La pubblicità (ADV) è un riferimento utile

Impossibile fare un discorso di vendita sui social network se non si punta sull’advertising, vale a dire l’ADV che viene messa a disposizione dalle varie piattaforme. Certo, si può fare molto con la conversazione e il coinvolgimento del pubblico ma sai bene che aumentare la reach organica è difficile quando si spingono contenuti commerciali. In questi casi devi ragionare in termini di investimento.

L’idea di approdare al mondo dei social con la prospettiva tipica di chi vuole (senza dare niente) non funziona. Non ti parlo di fare un salto nel buio, mettere i soldi sul banco e sperare: questo avviene se ti muovi senza un professionista al tuo fianco. Come vendere sui social media? Impostando delle campagne pubblicitarie pensate per questo, basate su analisi e osservazione dei dati.

Prendi come esempio Facebook: è uno dei sistemi più raffinati per trasformare il mondo social in una fonte di vendite online. Questo vale per Instagram, sempre di proprietà del social blu. Qui tutto è pensato per creare advertising funzionale ed efficiente, ma devi avere un esperto di ADV per fare in modo che le vendite arrivino. Ottimizzando il tanto acclamato ROI, il ritorno degli investimenti.

Non dimenticare la conversione

Un punto che voglio approfondire: tutto l’advertising del mondo non ti aiuterà a vendere se manca una pagina adeguata per le conversioni. I social possono spingere il pubblico verso una risorsa, una landing page o una scheda. Ma se non hai lavorato sodo con i test stai procedendo alla cieca. Non vendi perché la pagina web è inadatta, però al tempo stesso investi tanto in pubblicità. È un vero controsenso, non credi?

Io credo di sì. Quindi dai sempre spazio a questo punto. Come vendere sui social media? Massimizzando il focus sulle dinamiche delle varie piattaforme, ma facendo attenzione a ciò che si nasconde dietro al link lasciato sui social. Una landing page poco efficace non rende giustizia a un buon piano di SMM. Un piano che può richiedere investimenti impegnativi.

Ecco l’arma segreta: il retargeting

Il retargeting (remarketing) è la vera rivoluzione per vendere online. Sai di cosa si tratta? Prendi come esempio Facebook. Devi aggiungere un codice di tracciamento, noto come pixel, al tuo ecommerce.

In questo modo le persone che arrivano sul sito vengono osservate, nel momento in cui vanno via senza acquistare c’è l’advertising che intercetta con un messaggio studiato. Cercando di convincere ad acquistare ciò che era stato lasciato in sospeso. Si tratta di una strategia di vendita online molto efficace, ma devi curare due passaggi che reputo decisivi in questo caso:

  • Il rischio di diventare fastidiosi è alto.
  • Devi curare la privacy del pubblico.

Vero, il remarketing funziona perché tende a mostrare annunci pubblicitari mirati. Pensati per i soggetti che avevano già espresso un interesse verso un prodotto. Come vendere sui social media? Questo è un buon modo ma alla base deve esserci sempre il rispetto per il cliente.

Non dimenticare le chat e la messaggistica

Un nuovo fronte avanza, sempre più compatto e coeso: quello della conversazione che sfrutta i dark social. Vale a dire le piattaforme che non rendono visibile il contenuto, e che in qualche modo ri-mediano la vecchia idea di chat. Amplificandone le potenzialità e trasformando l’interazione one to one in qualcosa da espandere a ciò che serve all’individuo. Anche l’ecommerce, questo è chiaro.

Come vendere sui social media
Social attivi in Italia – Fonte We Are Social

Se vuoi usare i social per aumentare le vendite online devi sfruttare le piattaforme come Messenger e WhatsApp, che sono sempre più diffuse, come un canale per soddisfare le necessità del pubblico. Il Zero Moment of Truth ha ridotto tempi, dinamiche e meccanismi necessari per ottenere informazioni dai brand o dagli altri utenti che hanno effettuato l’acquisto. Tu devi esserci e subito.

Per questo diventa importante lavorare con i chatbot e con altre dinamiche – ad esempio quelle messe in atto da un community manager sempre presente – che ti consentono di trasformare la messaggistica in un’arma per vendere. E non dimenticare che la chat può fare la differenza se la integri con il sito.

Per approfondire: come creare e distribuire contenuti virali

Come vendere sui social media secondo te?

In questa piccola guida identifico le tappe indispensabili per rispondere alle domande di chi vuole iniziare a vendere su Facebook o altri social media. Il concetto chiave che si nasconde la base è chiaro: i mercati sono conversazioni, ecco un passaggio del Cluetrain Manifesto che a distanza di anni continua a dominare la teoria e la pratica del social media marketing. Tu sei d’accordo? Hai altri consigli?

Autore: Riccardo Esposito

Sono un web writer e un blogger freelance. Mi occupo di formazione e scrittura online, lavoro ogni giorno per professionisti e aziende che vogliono sfruttare al massimo il blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *